Il quarto ospedale – Petté (1965 – 1968)

Per assistere meglio le popolazioni mussulmane della savana che non potevano raggiungere Tokombéré a causa delle distanze da superare su piste disagevoli e talvolta impraticabili, il dottor Maggi decise di costruire un nuovo ospedale 70 km verso nord-est, a Petté, non lontano dalla riserva naturale di Waza. L’incisività della sua azione non era sfuggita alle autorità del Camerun che appoggiarono l’iniziativa mentre il sultano di Petté mise gratuitamente a disposizione i terreni necessari. La struttura fu costruita in una zona propizia all’agricoltura il che spinse molti Fulbé (pastori nomadi) che usufruivano delle cure ospedaliere a intraprendere una nuova vita
da contadini sedentari. Petté, come Omvan e Tokombéré, divenne anche un centro di aggregazione sociale.
Una volta raggiunta la piena autonomia d’esercizio anche Petté venne ceduto a un ente appositamente costituito, la “Fondation sociale suisse du Nord Camerun”, un organismo di interesse pubblico con sede a Losanna.

http://www.hopital-pette.ch

Torna a “Il Dr. Maggi”

Indietro a “Il terzo ospedale – Tokombéré”

Avanti a “Il quinto ospedale – Zinah”