Opera

L’Opera Umanitaria Dott. Maggi è nata nel 1996 con finalità umanitarie.
Il suo scopo è reperire e fornire adeguati mezzi finanziari per assicurare attività sanitarie e assistenziali nell’estremo nord del Camerun.

Dr. Maggi

Giuseppe Maggi, originario di Caneggio in Val di Muggio, nasce nel 1910 in un piccolo comune del Canton San Gallo. Dopo la laurea in medicina a Losanna, nel 1948 si imbarca per l’Africa.

Donazioni

L’attività dell’Opera Umanitaria Dott. Maggi a Mada, avanza solo grazie all’appoggio dei suoi tanti sostenitori.
Il progetto può essere aiutato attraverso libere offerte o acquistando un cofanetto di 15 fotografie d’autore.

L’Associazione HÔPITAL HELVETIQUE DE MADA – Opera Umanitaria Dr. Maggi

È un’associazione, costituita ai sensi degli articoli 60 del Codice civile svizzero (CCS), con sede a Lugano. L’Associazione è stata fondata nel 1963 con lo scopo iniziale di far conoscere l’attività del dottor Giuseppe Maggi in Africa, di sostenerne l’attività e raccogliere fondi necessari per la sua continuazione.
Oggi l’Associazione prosegue nel nord del Camerun l’attività iniziata dal dr. Maggi, gestendo direttamente l’Ospedale di Mada, di cui è proprietaria. In Svizzera, l’Associazione è riconosciuta quale ente di pubblica utilità e posta al beneficio dell’esenzione fiscale.
In Camerun, il 25 maggio 1977 l’Associazione è stata riconosciuta di utilità pubblica. Il Governo del Camerun ha stipulato un Accordo di collaborazione con l’Associazione riconoscendo la funzione dell’Ospedale di Mada e definendo le modalità di coordinamento delle attività sanitarie nel Distretto sanitario di Mada.
Gli organi dell’Associazione sono: l’Assemblea dei soci, il Comitato e l’Ufficio di revisione.

we've helped

0

Pazienti curati

more than

0

Esami di Laboratorio

over

0

Interventi chirurgici

we are present in

0

Nuovi studenti

Obiettivi della Fondazione

Svolgere azioni sanitarie di tipo curativo e preventivo nell’Estremo Nord del Camerun prestando particolare attenzione alla dignità delle persone e alla parte più vulnerabile della popolazione. Rispettare l’etica medica ed il suo principio base” non nuocere”. Affrontare in modo coordinato la crisi umanitaria che flagella la regione e promuovere lo sviluppo malgrado i conflitti armati, la disgregazione socio economica e le emergenze climatiche attuali.

Aiuta la Fondazione Maggi nella sua missione per la prevenzione delle malattie infettive nel Ciad

Cosa facciamo

L’Opera Umanitaria Dott. Maggi lavora per sostenere un ospedale che è oggi indispensabile e apprezzato presidio sanitario, attore sociale che sta riuscendo ad avviare un importante percorso educativo destinato ad incidere nei comportamenti delle future popolazioni locali.

Cura e Nutrizione

Pur relegato in un’area isolata del Nord Camerun, l’Ospedale di Mada è inserito in un contesto attraversato da importanti flussi migratori degli Stati limitrofi. Questo lo rende un centro imprescindibile nella formazione e diffusione dei corretti stili di vita, agendo in particolare sull’importanza della cura alla persona, nonché attraverso l’educazione a più consapevoli regimi alimentari.

HIV e AIDS

L’Opera Umanitaria Dott. Maggi è impegnata a sostenere l’Ospedale di Mada nell’estirpare con determinazione la diffusione di malaria, HIV e AIDS, che ancora nella regione hanno forte incidenza sul numero dei decessi. Problema imputabile anche ai flussi di pazienti da Nigeria e Ciad che confermano la centralità di un nosocomio capace di accogliere per lunghi periodi malati potenzialmente infettivi, nonché gli stessi familiari esposti ad alti rischi di contagio.

Sostentamento e Nutrizione

Nonostante i persistenti problemi di approvvigionamento e collegamento con le poche altre strutture della zona, l’Ospedale di Mada calamita centinaia di persone di diverse etnie e religioni che, gravitando sul lago Ciad, gli riconoscono una funzione indispensabile nella depressa situazione alimentare e di sostentamento locale.

Scuola

La necessità di veicolare condotte e stili di vita meno rischiosi del passato, ha rafforzato la necessità di creare strutture scolastiche che, combattendo l’analfabetismo giovanile, favoriscano la creazione d’impieghi qualificati, migliorando così anche la situazione sociale in generale e femminile in particolare.

Rimani aggiornato sugli ultimi interventi della Fondazione

TORNA SU